Accademia Peloritana dei Pericolanti

Regolamento della Classe III: Scienze Giuridiche, Economiche e Politiche

Art. 1

Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo della Classe è composto dal Direttore, dal Vice Direttore e dal Segretario della Classe. Il Vice Direttore e il Segretario coadiuvano il Direttore nella gestione delle attività della Classe.

Art. 2

Direttore

Il Direttore convoca e presiede le adunanze della Classe, che si distinguono in amministrative e scientifiche.

Art. 3

Adunanze amministrative

Il Direttore convoca la Classe in seduta amministrativa almeno una volta l’anno. Alle adunanze amministrative partecipano, con diritto di voto, i Soci Emeriti, i Soci Ordinari e i Soci Soprannumerari. Il Direttore può invitare i Soci Aggregati ad assistere ai lavori dell’Assemblea.

  Nelle adunanze amministrative il Direttore riferisce sull’attività svolta dalla Classe nell’anno precedente e su quella da programmare per l’anno successivo, anche sulla base delle indicazioni pervenute o presentate dai soci. L’Assemblea, ascoltata la proposta del Direttore, delibera sui programmi e sugli indirizzi della Classe.

Art. 4

Consultazioni telematiche

Il Direttore, qualora ritenga utile o opportuno acquisire tempestivamente il parere della Classe su questioni di particolare rilevanza o urgenza, può consultare i soci per via telematica, utilizzando l’indirizzo di posta elettronica dell’Accademia o quello fornito da ciascuno di essi agli uffici di segreteria dell’Accademia.

Art. 5

Candidature soci

I Soci Emeriti, Ordinari e Soprannumerari possono proporre la candidatura di studiosi attivi nei campi scientifici rappresentati all’interno della Classe all’elezione nelle categorie dei Soci Ordinari, Aggregati e Corrispondenti. Il Consiglio Direttivo della Classe valuta le proposte presentate dai soci alla luce dei requisiti fissati dallo Statuto – rispettivamente, negli articoli 6,10 e 11- e dei criteri stabiliti dalla Classe per l’elezione a ciascuna delle tre categorie. Il Direttore sottopone quindi all’approvazione della Classe, convocata in seduta amministrativa, le proposte fatte proprie dal Consiglio Direttivo.

Art. 6

Adunanze scientifiche

Il Direttore convoca la Classe in seduta scientifica almeno una volta l’anno, invitando tutti i soci a dare comunicazione delle rispettive attività scientifiche e culturali.

All’inizio di ogni anno accademico un socio, su invito del Direttore, presenterà alla classe una relazione inaugurale.  I Soci Emeriti, Ordinari e Corrispondenti possono dare comunicazione anche di attività svolte da studiosi che non sono soci dell’Accademia, i quali, per l’occasione, potranno intervenire all’adunanza per riferire personalmente alla Classe. Gli autori delle comunicazioni presentate nel corso dell’adunanza potranno quindi sottoporre i loro contributi per la successiva pubblicazione sugli Atti della Classe.

La partecipazione alle adunanze scientifiche della Classe è aperta anche a chi non è socio dell’Accademia.

Art. 7

Atti della Classe

La Classe cura la pubblicazione di una rivista periodica, ad accesso aperto, intitolata “Atti della Accademia Peloritana dei Pericolanti- Classe di Scienze giuridiche, economiche e politiche”. La rivista è distribuita in formato digitale su Internet. La periodicità della rivista è, di norma, annuale, essendo prevista la pubblicazione di un fascicolo ordinario per anno solare. Il fascicolo ordinario ed eventuali supplementi, con specifica caratterizzazione tematica o editoriale, compongono il volume dell’anno.

Il Comitato Editoriale della rivista è composto dai tre membri del Consiglio Direttivo della Classe e da almeno altri due membri designati dai soci emeriti e ordinari della Classe. Il Direttore della Classe presiede il Comitato Editoriale, con le funzioni di Direttore responsabile della rivista. Il Comitato Editoriale valuta l’ammissibilità dei contributi sottoposti per la pubblicazione sugli Atti della Classe, per quanto attiene alla coerenza degli stessi con gli indirizzi scientifici della rivista ed assiste il Direttore nella gestione dei lavori presentati e nella scelta dei revisori.

I lavori presentati e dichiarati ammissibili sono avviati alla valutazione anonima tra pari (peer review): di norma ogni lavoro è giudicato da due revisori. Essi possono anche essere soci della Classe e sono selezionati tra gli studiosi notoriamente esperti nel settore disciplinare in cui si colloca il contributo. Il giudizio finale espresso dal Comitato Editoriale ai fini della pubblicazione di un lavoro negli Atti tiene conto delle valutazioni formulate dai revisori ed è insindacabile. Al Comitato Editoriale spetta inoltre la decisione, anch’essa insindacabile, in caso di opinioni contrastanti formulate dai revisori.

Anche ai fini di una più completa rappresentazione delle attività culturali e degli interessi scientifici perseguiti all’interno della Classe, il Comitato Editoriale può avvalersi dell’assistenza di un Comitato di Consulenza (Advisory Board), i cui membri sono nominati dal Direttore, sentito il Comitato Editoriale. I membri del Comitato di Consulenza non devono essere necessariamente soci della Classe.

I testi delle conferenze tenute dai soci e da relatori esterni su invito della Classe, sono pubblicati in un’apposita sezione della rivista. I testi delle relazioni e delle comunicazioni presentate in convegni, simposi, seminari e incontri di studio organizzati o ufficialmente patrocinati dalla Classe sono, ove possibile, raccolti e pubblicati dalla Classe medesima.

Art. 8

Per tutto quanto non esplicitamente previsto o disciplinato da questo regolamento si fa riferimento allo Statuto e al Regolamento dell’Accademia.

 

 

Accademia Peloritana dei Pericolanti - Palazzo Università - Piazza S. Pugliatti 1 - 98122 Messina, Italia

CF: 97028750830  tel. (+39) 090 6768911  -  (+39) 090 6768620

e-mail: segreteria@accademiapeloritana.it - PEC: segreteria@pec.accademiapeloritana.it

Privacy e Cookies

Crediti e Copyright

contatori visite web